Contatti
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Gestire il cane al ristorante

Come gestire la permanenza del cane all'interno del ristorante evitando di arrecare disagi e fastidi agli altri ospiti

di Luca

Portare Fido al ristorante con noi purtroppo non è sempre possibile, soprattutto se il gestore del locale dove vogliamo andare a mangiare non ne vuole proprio sapere di cani o se risponde alla nostra esigenza con frasi del tipo "Si, accettiamo i cani, ma solo di taglia piccola", oppure "Si, i cani sono ammessi, ma il suo è tranquillo?", risposte che nella maggior parte dei casi denotano una profonda mancanza di rispetto verso il padrone e verso il cane stesso.
Come può il proprietario di un locale decidere se far entrare o meno un quadrupede nella sua struttura basandosi su elementi così assurdi e discriminativi? E soprattutto, come fanno i proprietari di cani un po' irrequieti o di taglia medio-grande a portare con sé il proprio animale?
Sopportare queste "ingiustizie" è diventata una condotta all'ordine del giorno per tutti coloro che posseggono un cane e sono intenzionati a portarlo con sé nei locali pubblici, soprattutto perché trovare strutture che accettano i cani di tutte le taglie senza porre dei limiti non è così semplice.

Ma cerchiamo di vedere anche il lato positivo della faccenda: in tutta Italia, ci sono diversi ristoranti dove i cani sono i benvenuti ed i gestori provvedono a riservare un tavolo in una zona appartata del locale, in modo che l’animale possa stare tranquillo accanto alla sua famiglia, e forniscono persino una ciotola con acqua fresca per abbeverare Fido.

Cane al ristoranteAl fine di arrecare il minor disturbo possibile alla struttura, evitando disagi e fastidi alle persone presenti, occorre avvertire per tempo il ristoratore e soprattutto seguire dei semplici cosigli su come gestire la permanenza del cane all'interno del ristorante:
 
- Il cane dev'essere tenuto legato al guinzaglio a fianco del padrone, in modo da non ostacolare i camerieri e gli altri clienti del locale;
- Il cane deve comportarsi educatamente e non deve creare situazioni di pericolo per gli ospiti;
- Il cane deve essere pulito e non emanare odori sgradevoli; se avete fatto una passeggiata con Fido e quest'ultimo si è rotolato nel fango o peggio ancora sulle feci di altri animali, non è rispettoso portarlo in mezzo ad altre persone come se niente fosse, rischiando di litigare con il proprietario del locale e con i clienti del ristorante per motivi d'igiene; stessa cosa dopo una giornata al mare o se l'animale ha il pelo molto bagnato;
- Il cane non deve avere malattie o problemi di salute;
- Se vi sedete di fianco a persone che sostengono di essere allergiche al pelo del cane, chiedete tempestivamente al cameriere se potete cambiare tavolo;
- Se il locale dispone di un'area con dei tavoli all'aperto, approfittatene e fatevi sistemare lì; eviterete così di infastidire gli ospiti se il cane dovesse abbaiare o emettere cattivo odore;
- Se nel locale ci sono altre persone con cani al seguito, evitate di sedervi al tavolo vicino a loro, poiché gli animali potrebbero litigare, soprattutto se tenuti legati al guinzaglio;
- Non dimenticate di portare uno snack o un gioco da far rosicchiare al vostro amico a 4 zampe; sarà molto utile per fargli trascorrere il tempo della permanenza nel ristorante e per fargli evitare di elemosinare il cibo dalla vostra tavola;
- Non date al cane il cibo dalla vostra tavola, oltre che dannoso per la sua salute, potrebbe indurre il quadrupede a elemosinare il cibo anche dalle altre persone, oltre che a sporcare il pavimento del ristorante;
- Se uno sconosciuto si avvicina per accarezzare il vostro cane ditegli di allontanarsi, poiché l'animale potrebbe agitarsi e rovesciare il tavolo con dei movimenti bruschi;
- A metà del pranzo o della cena, portate il vostro amico a 4 zampe a fare una piccola passeggiata, lo aiuterà a sgranchirsi e a rilassarsi, e potrà fare i suoi bisogni.
Sono sempre più numerose le famiglie italiane che hanno un cane dal quale non si vogliono separare neppure per andare al ristorante.
Nel nostro paese, fino a qualche anno fa, questo fenomeno non era stato preso seriamente in considerazione, mentre all’estero, soprattutto nel Nord Europa, ormai da tempo è divenuto molto semplice prenotare un tavolo portando con sé il proprio cane.
Quello che può consolarci è che anche in Italia, negli ultimi anni, qualcosa è cambiato al riguardo: i ristoratori sono sempre più attenti alle nuove tendenze del mercato, poiché si sono resi conto che i clienti con il cane al seguito fanno parte di una nicchia sempre più numerosa che offre innumerevoli opportunità di guadagno.
Il numero di pubblici esercizi attrezzato per accogliere Fido è quindi sicuramente destinato ad aumentare

Il cane è ormai considerato come un membro del nucleo familiare a tutti gli effetti, ed è per questo che noi di JustDog.it abbiamo raccolto per voi l'elenco completo di tutti i ristoranti e delle strutture nelle regioni d'Italia in grado di accogliere i nostri amici a 4 zampe; in questo modo avrete sempre a disposizione tutte le informazioni che vi occorrono per godere della compagnia di Fido, ovunque decidiate di andare.

Ricordiamo che non esiste a livello nazionale una legge che vieta l’ingresso dei cani nei ristoranti, tranne quello di accesso alle cucine e ai depositi.
Pertanto, alla luce dei regolamenti in materia, si può concludere che ogni gestore è libero di decidere se consentire o meno l’accesso ai cani nel proprio ristorante, fermo restando che nei comuni italiani dove è entrato in vigore il regolamento per il benessere e la tutela degli animali, il proprietario del cane che vede rifiutato l’ingresso del proprio amico a 4 zampe nel locale può rivolgersi ai vigili urbani; in altre parole, secondo il regolamento, a meno che gli esercenti non abbiano esposto in modo visibile all’entrata del locale l’apposito cartello che vieta l’ingresso ai cani a causa di motivazioni igienico-sanitarie, il ristoratore che non consente l'ingresso ai quadrupedi rischia una multa dai 25 ai 500 euro.

Per i cani guida dei non vedenti, che sono sempre ammessi, vi è una specifica disposizione: chi ne ostacola o nega l’accesso nei locali pubblici rischia una bella multa.


Articoli correlati

L'educazione del cane
Impariamo a comunicare con il cane per lavorare sulla sua educazione e a gestire correttamente il rapporto con lui attraverso i consigli dell'educatore

Cane che ha paura dei botti di Capodanno
Cosa si può fare per tranquillizzare il cane quando sente i botti di Capodanno e gli viene un attacco di panico?

In viaggio con il cane: la valigia di Fido
Cosa non bisogna dimenticare quando si prepara il bagaglio per il nostro amico a 4 zampe

Il cane e i bambini
Vostro figlio e il cane: come affrontare serenamente il primo incontro e come insegnar loro ad andare d’accordo e a diventare amici inseparabili di gioco e di vita!

In viaggio con il cane: in auto, in treno, in aereo, in nave, in bus
Viaggiare con Fido e affrontare tutti i problemi legati al trasporto





Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali