Contatti
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






In viaggio all'estero con Fido: le destinazioni dog-friendly

Londra, Parigi, Berlino, Barcellona: visitiamo le città più belle senza separarci dal nostro amico a quattro zampe

di Cristina

Quando si pianifica un viaggio, la destinazione potrebbe variare in funzione del fiuto e della tolleranza di Fido. Accade spesso e volentieri che le difficoltà connesse al trasporto degli animali diano una battuta d'arresto ad ogni fisiologica necessità di fuga: separarsi da loro diventa arduo e, piuttosto che addormentarsi senza il proprio cane che russa ai piedi del letto, si è disposti a rimanere a languire in città.
Non è una scelta facile soprattutto per chi dovrebbe affidare il proprio cucciolo a qualcuno, e magari questo qualcuno non è un familiare, e tanto meno “gratuito”.

Affinché ad essere tagliata fuori dalla vacanza sia solo la routine e non anche il nostro amico, e l'agognato momento di prenotare una vacanza non tramuti in un ulteriore accumulo di stress, sono molte le strutture che vengono incontro alle richieste dei clienti che, per piacere o per necessità, reclamano il diritto di viaggiare con la famiglia “allargata”.
Molti ostelli, hotel e B&B, dichiarano espressamente la loro disponibilità nella scheda informativa a loro riservata in fase di prenotazione (sul sito HostelsClub.com potrete trovare la dicitura “Si Accettano Animali” nella sezione dedicata ad ogni struttura), ma è comunque bene preavvisare.

Se si viaggia nei Paesi che aderiscono al PETS (Pet Travel Scheme), le condizioni da rispettare sono quasi sempre le stesse: l'animale deve aver compiuto almeno tre mesi di vita per poter essere stato sottoposto ai vaccini e all'effetto degli antiparassitari, dev'essere munito di EU Pet Passport, di libretto sanitario e di certificazione trascritta nella lingua del paese di destinazione.
Ad esclusione dei negozi che producono o vendono alimenti, non esiste una legislazione che vieta l'ingresso degli animali nei restanti locali pubblici: la decisione è discrezione del gestore dell'attività e se vogliamo, anche del padrone, che dovrebbe sapere se la “mansuetudine” del proprio segugio sia o meno appropriata a certe situazioni pubbliche.

Per quanto riguarda il trasporto internazionale di animali, le regole variano a seconda che si viaggi in treno, in nave o in aereo (animali ammessi a bordo solo dalle compagnie aeree di bandiera e a seconda delle dimensioni del cucciolo, altrimenti trasportati in stiva pressurizzata e climatizzata).

Viaggio all'estero con il cane


LONDRA

Il Regno Unito ha finalmente ammorbidito una legislazione che costringeva l'animale in quarantena per sei mesi a partire da un primo ed obbligatorio esame del sangue.
Dal 2012, l'ingresso in Paese è consentito a tutti gli animali provenienti dai Paesi che fanno parte del PETS, a partire dal 21esimo giorno successivo alla somministrazione del vaccino antirabbica e di quello contro la tenia.
L'ultimo controllo del veterinario deve risalire a non più di 48 ore e non meno di 24 prima dell'ingresso, ed è tuttavia necessario che nei sei mesi antecedenti a quella data, l'animale non abbia viaggiato in nessuna delle nazioni escluse dal progetto pilota di cui sopra.
Introduzione scoraggiante a parte, il gate della Londra pet-friendly lascerà oltrepassare anche Fido. Solitamente, se il cane è di dimensioni nella norma potrà viaggiare gratis e senza necessità di ticket riservati su treni, autobus urbani e metro; l'importante è scarrozzarlo in appositi trasportini e/o con museruola e guinzaglio.
L'unico divieto riguarda il trasporto in Intercity (National Express o Megabus), che consente l'accesso solo ai cani guida.
A Londra non sarà insolito trovare spazi verdi, come l'Hyde Park, nei quali i cani sono lasciati liberi di bighellonare con gli scoiattoli, o incontrare camioncini per strada che offrono cibo “canino”. E inoltre, se fate un salto da “M Grill”, questo ristorante ha da poco inaugurato il Pedigree Pooch Brunch Party: mentre consumate la vostra portata, il vostro amico riceverà la sua doggy bag per non starvi solo a guardare.

Dove dormire: il Safestay London Elephant & Castle si trova nelle vicinanze del Tamigi. Accetta animali su richiesta e senza supplemento.


PARIGI

In Francia i cani possono viaggiare sui mezzi di trasporto pubblici, sulla metro e sulla RER, a patto che siano di piccola taglia e accomodati nei trasportini.
Esistono delle zone riservate appositamente ai loro bisogni, con pulizia e sacchetti a carico del comune.
Montmartre, gli Champs Elysées e i giardini della Reggia di Versailles sono alcuni tra gli itinerari più gettonati di Parigi, e sono anche tra quelli che non vietano l'ingresso al vostro cucciolo. Per raggiungerli contattate pure “Taxi-Dog”, un'azienda che offre servizi di trasporto in auto agli animali anche senza il proprietario.
Guinzaglio e museruola a parte, non abbondano purtroppo i parchi accessibili. Ad esclusione dello Square Jacques – Antoine nel 14° arrondissement, è espressamente vietato che gli animali attraversino i prati e che si avvicinino alle aree gioco riservate ai bambini.
Tra gli altri parchi accessibili ai cani: Parco delle Colline Chaumont (Buttes Chaumont), Bois de Boulogne, Bois de Vincennes e Georges Brassens.

Dove dormire: l'Euro Hotel Paris Créteil è situato nel cuore dell'Europarc di Créteil. Accetta animali su richiesta (possibile supplemento).

Vacanza all'estero con il cane


BERLINO


È risaputo che la Germania sia un paese pet-friendly: molto spesso autogrill e locali pubblici danno il benvenuto ai vostri amici con ciotole d'acqua fresca e croccantini.
In alcune zone di Berlino i sacchetti igienici vengono forniti gratuitamente e gli appositi contenitori ripuliti giornalmente.
A volte, musei e castelli, soprattutto in Baviera, ammettono anche l'accesso ad un cane per gruppo durante le visite guidate.
È però doveroso portare il quadrupede al guinzaglio: non è permesso lasciarlo libero alle feste popolari, nei boschi, sui mezzi di trasporto (su autobus e metropolitana con museruola o trasportino) e nei parchi (animali ammessi al parco popolare Volkspark Friedrichshain).
E per i palati sopraffini, nella periferia sud della capitale è stato inaugurato il ristorante “Pets Delì” per animali: carni pregiate, verdure fresche e menù gourmet attento a diete alimentari specifiche.

Dove dormire: MEININGER Hotel Berlin Mitte. Situato nel cuore di Berlino, accetta animali su richiesta (possibile supplemento).


BARCELLONA

La Catalogna è decisamente la regione spagnola più dog-friendly del Paese: Barcellona vanta numerosi spazi verdi accessibili ai cani e molti locali tra librerie, bar, parrucchieri, negozi di abbigliamento e musei aprono le porte anche a Fido.
La Rambla del Poblenou ha un'alta concentrazione di locali che offrono servizi per i cani.
Le spiagge non sono accessibili agli animali nei mesi estivi, ovvero da maggio fino alla fine di settembre; per la restante parte dell'anno non esiste invece una limitazione espressa.
Proprio in questo periodo però qualche cambiamento è in prospettiva, ed è probabile che una qualche sorta di accessibilità con limitazioni potrebbe essere concessa dalla prossima stagione, data la pressione di numerosi proprietari. Tuttavia, a pochi chilometri da Barcellona e lungo la Costa Brava, alcune spiagge accolgono anche gli animali domestici.

Dove dormire: AAE Annex Hotel, nel cuore del Quartiere Gotico. Animali ammessi su richiesta senza supplemento.



Articoli correlati

In viaggio con il cane: in auto, in treno, in aereo, in nave, in bus
Viaggiare con Fido e affrontare tutti i problemi legati al trasporto

Vacanza con il cane
Tutti gli alberghi, gli agriturismi, i B&B, i campeggi, i villaggi turistici, le spiagge dove andare in vacanza con il cane e consigli per il viaggio

I cani guida: tutto ciò che bisogna sapere
Quanto costa un cane guida e cosa fa esattamente? Come ci si comporta in presenza di un cane guida? Esistono delle agevolazioni fiscali?

Come scegliere un cucciolo
Ogni cucciolo è un individuo a sé: prima di sceglierlo è opportuno considerare alcuni fattori, indispensabili per fare la scelta giusta

Viaggiare in aereo con il cane
Quasi tutte le compagnie aeree consentono il trasporto di animali. Quando si prenota un volo con il proprio cane è opportuno, però, fare attenzione a molte cose!





Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali