Contatti
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Le unghie del gatto

È possibile ridurre i danni che il gatto causa con le sue unghie a mobili o tessuti di pregio della casa?

di Dottor Alberto Franchi

Dottor Franchi, il mio gatto provoca in casa parecchi danni, graffiando mobili e tessuti: è possibile trattarlo con farmaci per rimediare o esistono altre soluzioni? La ringrazio in anticipo per i suoi preziosi consigli.

L’utilizzo delle zampe anteriori è nel gatto un comportamento innato e di conseguenza è molto difficile ottenere la modificazione di tale azione.
Il gatto per mezzo della graffiatura di determinati oggetti, per lo più posti in prossimità del luogo scelto per il riposo, compie dei gesti di particolare importanza.
Innanzitutto affila le unghie, rimovendo gli astucci cornei che sono periodicamente da scapsulare, permettendo alla nuova unghia sottostante di sostituirsi pienamente alla vecchia.
È sbagliato ritenere che così facendo il gatto smorzi gli artigli: come ho appena spiegato ricerca l’effetto opposto, li tiene sempre affilati per la caccia, l’arrampicata o la lotta.

Unghie del gatto

Inoltre graffiando vari oggetti o strutture il gatto marca il suo territorio sia visivamente, con i segni lasciati dalle unghie, sia olfattivamente, utilizzando le secrezioni di ghiandole interdigitali che impregnano per giorni la superficie graffiata, permettendone il riconoscimento a conspecifici ed altri cacciatori. Ma ancora con tale azione il gatto fornisce ai presenti una comunicazione visiva della propria presenza, del suo stato di forza e salute e della sua territorialità.
Quindi nessun comportamento anomalo in tutto questo.
È possibile dirottare l’interesse del gatto verso un materiale di nostro gradimento, ma per ottenere ciò è indispensabile avere determinazione, perizia, nonché una buona dose di fortuna, dal momento che è assai difficile indurre il gatto a spostare il proprio interesse altrove.
È possibile, inoltre, abituarlo sin dalla più tenera età a lasciarsi limare o tagliare periodicamente la parte terminale dell’artiglio.
Una pratica che può risultare piacevole anche per il gatto, se viene indotto a ritenerla una delle cure parentali che il buon proprietario gli riserva.


Dottor Alberto Franchi medico veterinario a Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Via Felice Casorati 19 - Verona 
Ambulatorio Veterinario Borgo Trento - Via Vittorio Locchi 32/a - Verona
Telefono 347 9729098
e-mail vetverona@gmail.com
www.veterinarioaverona.it 


Articoli correlati

Il comportamento distruttivo del cane
La distruttività del cane è un problema da non sottovalutare: analizziamo le cause scatenanti ed i modi per affrontarla

Raptus aggressivi del cane e del gatto
Come gestire il comportamento aggressivo del cane e del gatto, gli attacchi ed i raptus di violenza con morsi e graffi

Giocare insieme al cane
Giocare insieme al cane è fondamentale per il suo benessere e vi aiuta a rafforzare il legame con lui

Cane che ha paura dei botti di Capodanno
Cosa si può fare per tranquillizzare il cane quando sente i botti di Capodanno e gli viene un attacco di panico?

Gioco aggressivo del gatto
Il gioco è molto importante per stabilire una stretta relazione con il gatto, ma va condotto nella maniera opportuna per evitare graffi e morsi





Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali